menu

A chi proporre canzoni inedite e come farsi conoscere

A chi proporre canzoni inedite

Ogni cantautore in erba ha bisogno di mostrare le proprie canzoni a radio, piattaforme online o case discografiche che possano poi decidere se pubblicarle o meno. Non sempre, però, specialmente quando si è inesperti, è facile capire a chi proporre brani inediti e a chi no.

Giuda Nicolosi, cantautore milanese, ha deciso di offrire tre preziosi consigli per aiutare chiunque volesse farsi conoscere con la propria musica. Oltre al suggerimento di non abbattersi mai, in quanto la strada è lunga, l’artista ritiene doveroso sottolineare anche che il successo, quando meritato, arriva quando meno lo si aspetta.

Scopri di più su: Giuda Nicolosi, qual è la sua biografia

Pubblicare l’inedito su Youtube

Uno dei mezzi di comunicazione più efficaci al giorno d’oggi è YouTube. Questa piattaforma, infatti, si presta alla perfezione per la pubblicazione del proprio brano. Non appena caricato il video, sarà possibile iniziare a condividere la canzone con i propri conoscenti. Il self-publishing, ormai sempre più in uso per la letteratura e i romanzi, inizia dunque a essere praticato anche per il ramo della musica.

Un chiaro esempio di successo può essere fatto con il canadese Justin Bieber, scoperto da Scooter Braun proprio su YouTube, che per caso si è imbattuto in un video del giovane, che poi prontamente contattato per fargli registrare una demo con Usher. Il resto è ormai noto a tutti quanti.

Condivisione online dell’inedito

YouTube non è l’unico canale su cui proporre il proprio inedito. Di pari importanza sono le piattaforme come iTunes, Amazon Music, Spotify o Bandcamp.

L’unica raccomandazione, in questo caso come nel precedente, è quella di leggere attentamente i Termini e le Condizioni su ogni sito in quanto bisogna essere sicuro di mantenere i diritti sulla propria realizzazione per poterla poi vendere in futuro.

Contattare le etichette discografiche

Un ulteriore tentativo può essere provato con l’invio del proprio brano inedito alle etichette discografiche.

Un errore che viene spesso compiuto, tuttavia, è quello di presentare tutti i lavori svolti e non il proprio cavallo di battaglia: una demo è in realtà sufficiente per far conoscere se stessi e il proprio lavoro, motivo per il quale essere brevi e concisi resta sempre la cosa migliore da fare.

Segui Giuda sui social network